HOME arrow Linee metro e funicolari arrow Funicolari
Funicolare Centrale - Storia
cent1

La Funicolare Centrale collega la centralissima via Toledo nel cenro storico di Napoli con Piazza Fuga (adiacenze Piazza Vanvitelli). Inaugurata il 28 ottobre 1928, oltre alle stazioni di monte e valle, è dotata di altre due fermate intermedie al Corso Vittorio Emanuele (altezza p.za Cariati) e al Petraio.

La realizzazione delle opere civili e della linea fu affidata alla SAFUCE, le opere elettromeccaniche realizzate dalla società “Ceretti & Tanfani” e le vetture dalle “O.F.M.”.

L’impianto originario di trazione era costituito da due gruppi Ward Leonard con batteria a dinamo a repulsione collegati a motori asincroni da 300 Hp della Marelli, ed a una batteria tampone, che nel caso di interruzione della rete di alimentazione elettrica, aveva il compito di intervenire ed assicurare l’esercizio per almeno un’ora.

Dall'inaugurazione si giunge fino al 1976, anno in cui avviene il passaggio di consegne tra la SAFUCE e l’ATAN, che in qualità di nuovo gestore nel 1989 inizia i lavori di ammodernamento, rifacimento della linea e delle vetture. I lavori della linea vengono dunque affidati alla “Ceretti e Tanfani” che a sua volta subappaltò al consorzio di imprese (Fondedile-Raiola-Del Vecchio-Icla), per la sostituzione delle vetture alla CWA (Olten –CH) per la carrozzeria, della B.M.B. per le apparecchiature di bordo e della Holzl per le trasmissioni e sicurezze. Al termine dei lavori l'impianto riapre al pubblico il 27 ottobre 1991.

Il 31 luglio 1994 l’impianto viene nuovamente chiuso per il completamento dei lavori di ammodernamento, che sono appaltati per le opere civili alla ditta Sigla di Forlì e per le opere elettromeccaniche  ed elettroniche alla "Leitner S.p.A.", che si è avvalsa della "E.E.I." (Equipaggiamenti Elettronici Industriali) per l’azionamento e controllo e della Holzl per le trasmissioni e sicurezze.

Il nuovo impianto azionato da motori accoppiati, da 300kW-540V ognuno, della "I.E.G.", analogamente a quello precedente, è asservito ad una batteria stazionaria da 2200Ah – 540V, che in caso di mancanza delle rete di alimentazione esterna, assicura la continuità dell’esercizio per almeno un’ ora, ad una velocità di 3 m/sec.

L’impianto completamente ammodernato fu inaugurato il 25 aprile 1996.

Le successive vicende societarie sono analoghe a quelle delle altre due Funicolari .     

<< indietro