HOME arrow Universita'
Universita' - Karim Rashid - Ikon - Synapsi - Conversational profile
Atrio stazione
Atrio stazione

KARIM RASHID (Il Cairo, Egitto, 1960)

Ikon lenticular, 2010
LED light box
atrio stazione / station atrium

L’opera è retroilluminata, come tutti i light box della stazione Università, mediante tecnologia  LED. Sul luminoso fondo bianco si staglia una moltitudine variopinta di figure dalla tridimensionalità virtuale, che sembrano muoversi ad ogni spostamento dell’osservatore grazie all’impiego della stampa lenticolare.

This work is backlit using LED technology, as are all of the light boxes at station Università. The white background contains a large number of multi-coloured, virtual 3D images, which seem to move according to the movement of observers, thanks to the use of lenticular printing.

Synapsi, 2010
scultura in metallo / metal sculpture
atrio stazione / station atrium

La sinuosa scultura rappresenta le sinapsi, importantissimi collegamenti che permettono la comunicazione tra le cellule del nostro tessuto nervoso. L’opera è stata realizzata, su progetto di Rashid, nei laboratori di Rua Catalana a Napoli, il borgo celebre per le botteghe dei lattonieri.

This sinuous sculpture represents synapses, which are fundamental connections that allow communication between the cells of our nervous system. This work was realised on a project of Rashid's in the workshops at Rua Catalana in Naples, an area which is renowned for tinsmiths' shops.  

Conversational profile, 2010
pilastri rivestiti in Corian / pillars covered with Corian
atrio stazione / station atrium

Nell’atrio della stazione quattro pilastri cilindrici in Corian nero riflettono sulle loro levigate superfici il reticolo di luci del soffitto. Nei due pilastri centrali sono riconoscibili, da qualsiasi punto di vista li si osservi, dei grandi volti di profilo, metafora del dialogo e della comunicazione tra gli esseri umani.

Inside the station atrium, four black, cylindrical Corian pillars reflect the network of ceiling lights on their smooth surfaces. In the two central pillars, we can clearly see large profile faces from any angle, which is a metaphor for dialogue and communication amongst human beings.

<< indietro