HOME arrow Comunicati Stampa arrow ANM RISPONDE ALLA LETTERA DEL SIG. MARIO MANGONE (Posta dei lettori la Repubblica del 19/12/2015)
ANM RISPONDE ALLA LETTERA DEL SIG. MARIO MANGONE (Posta dei lettori la Repubblica del 19/12/2015)
NAPOLI 21 dicembre 2015 - In risposta alla lettera del Sig. Mario Mangone pubblicata il 19 dicembre nella posta dei lettori del quotidiano La Repubblica, l’Azienda Napoletana Mobilità evidenzia che al netto del parco mezzi viaggiante e delle risorse disponibili, sta lavorando ad una più efficace razionalizzazione delle Linee di superficie.
La linea R4 in particolare è una delle linee più complesse tra quelle attualmente gestite da ANM, il suo percorso lungo e tortuoso interessa almeno 4 bacini di traffico spesso soggetti a congestioni stradali che ne compromettono la velocità di marcia con frequenti fenomeni di stop and go. A questa circostanza va aggiunta l’alta frequenza di guasti dovuta alla vetustà dei mezzi impiegati che ne rende difficile la tempestiva quanto efficace manutenzione. 
Per questo motivo si è deciso di destinare, questa come altre linee strategiche al servizio di un importante bacino di utenza, alla filoviarizzazione. Questa soluzione consentirà l’impiego di vetture filoviarie non solo di più recente costruzione (anno acquisizione 2004) ma per loro natura di più facile manutenzione perchè alimentate da corrente elettrica e con un ciclo di vita tecnica più alto, circa 30 anni rispetto a quello dei bus che in media dovrebbe essere 9 anni. Inoltre attualmente è in fase di conclusione la gara per l’acquisto di nuovi 60 autobus che compenseranno in parte la carenza fisiologica di mezzi, il cui ciclo di vita tecnica, è utile ricordarlo, è ampiamente superato dal momento che più del 60% dei nostri bus hanno mediamente già superato i 15 anni.
Rassicuriamo infine che non esiste alcuna omissione o disimpegno da parte di quanti in azienda lavorano per garantire ogni giorno il servizio di trasporto su gomma in città e che ciascuno cerca di fare la sua parte senza mai perdere di vista l’indirizzo dell’azionista Comune di Napoli che con la nuova “azienda unica” ha indicato l’obiettivo chiaro di raggiungere la piena integrazione tra mezzi di trasporto su gomma e ferro e promuovere la mobilità sostenibile in città per rilanciare il TPL.  Lo facciamo anche a dispetto di un momento storico difficile in cui i trasferimenti destinati al settore vengono ridotti pesantemente, per offrire una risposta anche se non immediata, sempre crescente rispetto ai bisogni di mobilità dell’utenza che legittimamente chiede di più.
 
 
Capo Ufficio Stampa
Maria Gilda Donadio
tel. +39 0815594252
www.anm.it;
 
< Prec.   Pros. >